La Casa Rossa | Cortenova

La Casa Rossa o Villa delle Streghe




La Villa ottocentesca del Conte Felice de Vecchi fatta costruire tra il 1854 e il 1858 viene anche chiamata la “Casa Rossa” o “Villa delle Streghe“. Il conte era un amante della Valsassina e decise di costruire in quello luogo, incantevole e verdeggiante, la sua villa per passare l’estate o comunque durante i giorni più caldi. L’Architettura della villa, influenzata dalla passione del Conte de Vecchi per l’oriente, venne realizzata all’interno di un parco di 130 mila metri quadrati. Al terzo piano il conte voleva costruire un osservatorio astronomico ma i lavori non ebbero mai inizio.




La Casa Rossa di Cortenova

 

Alcune leggende e storie locali narrano che misteriosi omicidi accaddero in quella villa. In realtà non sono mai state trovate prove concrete tali da far credere che avvenimenti così tragici siano avvenuti. Pare che all’interno della villa siano avvenuti omicidi o suicidi sospetti! Come sono false le presunte morti della moglie del conte e di quella del custode! Dopo varie vicissitudini la villa passò al fratello e poi ad altri proprietari ma da quel momento iniziò il declino.

In ogni caso molte leggende parlano di suoni di pianoforte provenire dalle stanze della Casa Rossa. Non solo, si parla anche di riti satanici, misteriosi suicidi e apparizioni di spettri. Sulla casa dunque aleggia un alone di mistero e di inquietudine quasi uniche al mondo. Questo ha fatto sì da essere inserita tra le 20 case più infestate della terra. Ora, dopo la morte del conte, la Casa Rossa è in stato di abbandono. Questo, quindi, la rende ancora più sinistra. Una frana del 2002 poteva raderla al suolo. Stranamente, però, al contrario delle strutture vicine, la villa rimase in piedi senza subire danni!