Mantiche

Cosa sono e come si praticano le Mantiche



Il termine Mantiche deriva dal greco mantike che significa “per divinazione” e comprende tutte quelle pratiche, come la Cartomanzia, ossia predire il futuro tramite la lettura e l’interpretazione delle carte.




Le Mantiche

 

la Chiromanzia, che consiste nel predire il futuro tramite la lettura e l’interpretazione della mano; la Cristallomanzia, che utilizza per predire il futuro l’energia e il colore dei cristalli; l’Acutomanzia, che fa uso di aghi e spilli ed ancora la Rabdomanzia, per la quale si utilizza una bacchetta chiamata “bacchetta divinatoria” soprattutto per la ricerca di acqua e minerali o sorgenti.

Il legno che costituisce la struttura della bacchetta, la quale ha una forma ad Y, è quasi sempre il nocciolo.

Abbiamo inoltre la Radioestesia che utilizza un pendolino; attraverso l’interpretazione della sua oscillazione si ottengono le informazioni richieste su situazioni, luoghi, persone, ecc…

Esistono numerosissimi altri mezzi, anche molto più antichi per predire il futuro, ma anche per sapere qualcosa del presente che magari ci sfugge o che non riusciamo a comprendere, o che semplicemente pensiamo ci possa aiutare a fare le scelte giuste. Alcuni di questi metodi si tramandano da secoli ed in più civiltà. Oggi risultano quindi un po’ “caserecci”, ma al contrario sono molto efficienti e talvolta più difficili da interpretare.

Quindi, la persona che ne fa uso, deve essere un soggetto particolarmente dotato (ad esempio l’interpretazione della goccia d’olio versata in una bacinella d’acqua, il fondo del caffè, gli ossicini, ecc.).