San Bernardino da Chiaravalle

Il santo venuto da Diogene



Bernard de Fontaine, conosciuto come San Bernardino da Chiaravalle è nato a Fontaine-lès-Dijon  nel 1090 e morto a Ville-sous-la-Ferté il 20 agosto 1153.




San Bernardino: la leggenda

 

È stato un monaco, e teologo francese appartenente all’ordine cistercense. Inoltre, è il fondatore della celebre abbazia di Clairvaux e di altri monasteri sparsi per tutta Europa.

Dottore della chiesa, nell’iconografia cristiana è spesso raffigurato mentre sta scrivendo un libro o solo tenendolo in mano, indossando l’abito bianco dei cistercensi. Bernardo nacque da una famiglia nobile, studiò all’Università di Parigi e all’età di vent’anni entrò nel convento benedettino di Citeaux. In seguito, fondò lui stesso un nuovo monastero a Clairvaux (Chiaravalle), insieme ad altri dodici monaci.

Col tempo diventò uno dei predicatori più importanti della sua epoca, e a lui si deve in parte la Seconda Crociata, in cui vennero uccisi molti più ebrei in Europa che musulmani in Terra Santa.

Narra una leggenda, che mentre Bernardo stava scrivendo il Commentario al Cantico dei Cantici, in lode alla Vergine Maria, ella gli si manifestò, e bagnò le labbra del santo con il latte del suo petto.

Da quel giorno, Bernardo ebbe il dono di una portentosa forza espressiva. Il santo, tra le altre opere, fu anche l’autore de Dell’amore divino. Morto nel 1153 San Bernardo è considerato il santo protettore di apicoltori e cerai ed è ricordato il 16 maggio.

San Bernardino da Chiaravalle è festeggiato il 16 maggio