Significato e simbologia del Cedro

Cedro: simbolo dell’immortalità e dell’eternità



Il Cedro, albero simbolo del Libano, è una conifera appartenente alla famiglia delle Pinaceae. I Cedri sono alberi sempreverdi e possono raggiungere considerevoli altezze.




Caratteristiche del Cedro

 

Alcuni esemplari possono arrivare ai 60 metri di altezza anche se, normalmente, raggiungono mediamente i 40 metri. Una delle caratteristiche di questo albero è quella di produrre una resina aromatica che viene usata, sin dai tempi antichi per profumare ambienti.

Nella cultura egizia la resina di questa pianta veniva usata nei processi di imbalsamazione. Questo albero si presenta possente e maestoso con un tronco massiccio e possente e ramificazioni molto larghe a formare una chioma che varia da un verde intenso a un verde bluastro.

Altra particolarità dei Cedri è quella di produrre caratteristiche pigne (strobili) che variano dai 6 ai 12 cm di altezza e che, raggiunta la maturazione, rilasciano particolari semi alati.

I Cedri sono grandi alberi di montagna originari dell’Himalaya occidentale (Cedrus deodara) e del Mediterraneo (Cedrus libani).

In natura si trovano ad altezze di che variano tra i 1500 e i 3200 metri sulle montagne dell’Himalaya e tra i 1000 e i 2000 metri sulle montagne che si affacciano sul bacino del Mediterraneo.

In Italia si possono ammirare nella Pianura Padana e sulle prealpi dell’Italia Settentrionale.

Significato e simbologia del Cedro

 

Il Cedro è il simbolo dell’immortalità e dell’eternità. È l’incarnazione della grandezza d’animo e di elevazione spirituale per l’altezza del suo fusto e dei suoi rami. Spesso le statue sacre sono scolpite nel legno di questo robusto ed elegante albero. Il Cedro del Libano, in antichità, era molto diffuso nella Mediterraneo Orientale. Si ritiene, infatti, che il tempio di Gerusalemme, il palazzo di Salomone ed il Labirinto di Minosse, fossero sorretti da colonne di Cedro.