Significato e simbologia del Pioppo

Pioppo: fra la terra e il regno degli inferi



Populus è un genere di alberi appartenenti alla famiglia delle Salicaceae che comprende una trentina di specie comunemente denominate Pioppi. Il Pioppo, originario dell’emisfero settentrionale, può raggiungere un’altezza di 20 metri e un’età che varia dai 200 ai 400 anni.




Caratteristiche del Pioppo

 

Le piante sono divise in maschili e femminili. Le maschili presentano chiome voluminose sorrette da grandi rami e producono grosse gemme.

Quelle femminili, invece, oltre a produrre gemme più piccole si presentano con una chioma più longilinea e slanciata sorretta da rami più fini.

In passato, questo notevole dimorfismo sessuale ha creato grande confusione tra i botanici.

Sino a qualche tempo fa, infatti, si riteneva che maschio e femmina fossero due specie distinte.

I Pioppi, oggigiorno, hanno una grande diffusione anche in Italia. Il loro legno è utilizzato per la produzione non solo della cellulosa per le cartiere, ma anche per la fabbricazione di pannelli di compensato e cassette per imballaggio, soprattutto di alimenti.

Se si passeggia per parchi e giardini è facile imbattersi in un albero di Pioppo. Ultimamente, infatti, viene utilizzato anche a scopo ornamentale o per riparare dal vento le abitazioni e i viali delle città. Il termine “pioppo” deriva probabilmente dal latino “populus”.

Questo per via del fatto che il rumore del tremolio delle foglie somiglia moltissimo al brusio della folla. Sembrerebbe, a tal proposito, che il nome della celebre Piazza del Popolo a Roma derivi proprio dalla presenza di un piccolo bosco di Pioppi ove ora sorge lo spiazzo.

Significato e simbologia del Pioppo

 

Nella mitologia greca una leggenda narra di Eracle il quale, di ritorno dal Monte tartaro, si intrecciò una corona fatta di foglie di Pioppo sulla testa. Fu così che le foglie che si trovavano all’esterno della corona si tinsero di scuro come gli inferi. Quelle più vicine al capo dell’eroe che aveva trionfato sulla morte, invece, si tinsero di bianco. Questa antica leggenda spiegherebbe perché le foglie di Pioppo appaiono sulla pagina superiore di color verde scuro mentre in quella inferiore di coloro verde chiaro, quasi bianco. Questa particolarità, sempre secondo i miti greci, fa del Pioppo il simbolo del confine fra la terra e il regno degli inferi.

Proprio per questo motivo, quest’albero rappresenta, nel calendario celtico l’equinozio d’autunno. Questo demarca il passaggio del Sole dalla parte settentrionale a quella meridionale dello zodiaco, ovvero agli inferi della stagione invernale. Sempre secondo il calendario arboreo celtico il Pioppo rappresenta uno dei segni dello zodiaco. I nati sotto questo segno, tenderebbero a manifestare un profondo pessimismo. Inoltre, ammirano l’arte della contemplazione e della critica. I nati sotto il segno del Pioppo non riuscirebbero ad assaporare tutti i gusti della vita pur essendo grandi amanti del mondo naturale. Molte sono le tradizioni e le leggende legate al particolare comportamento delle foglie di Pioppo quando vengono mosse dal vento. Il motivo di ciò lo si può trovare provando ad osservare e udire le foglie di questo straordinario albero “ballare” nel vento.