Significato e simbologia della Cazzuola

Cazzuola: la beneficenza e la carità



La Cazzuola, denominata anche Cazzola, è un utensile usato dal muratore per lavori di edilizia. La sua funzione principale è quella di spalmare cemento e malta tra i mattoni. Ma non solo, serve anche per impastare leganti e spianarli sulle superfici.




Curiosità sulla Cazzuola

 

Questo strumento è formato da una lama flessibile a base quadrata con una punta che, a seconda del tipo di lavorazione può essere a punta o trapezoidale. Questa lama è agganciata ad un manico anatomico costruito in legno o plastica che serve per maneggiare la lama stessa.

Le dimensioni, a seconda del lavoro che si va a fare, posso essere molto diverse. La tipologia più piccola prende il nome di Cazzuolino.

A seconda della regione in cui ci si trova la Cazzuola viene chiamata in modo diverso. In Toscana viene chiamata Mestola, in Calabria Manipula, in Veneto Casiòla, mentre nel Lazio Cucchiara.

La Cazzuola è uno dei più importanti simboli massonici e sta a indicare la volontà di andare in soccorso del prossimo quando è in difficoltà. Simboleggia quindi la beneficenza e la carità insita nell’uomo.

La simbologia della Cazzuola

 

Come accennavamo, strumento essenziale del muratore e del carpentiere, la Cazzuola viene usata per mescolare e stendere la calce atta ad unire le pietre o i mattoni. Rappresenta quindi l’amore fraterno che, come la calce, crea adesione tra le varie pietre che compongono la costruzione.

Nel parallelismo tra amore fraterno e calce, possiamo affermare che l’utilità di questo strumento è quindi quello di amalgamare e disporre ove serve, la giusta dose di calce-amore fraterno.

Il messaggio che si leva sta nell’esortare l’uomo ad essere parte attiva  e a dare il proprio contributo alla costruzione di una società migliore, più giusta e più libera.