Centro Sacro

Il significato del Centro Sacro



Il Centro Sacro è costituito da un quadrato nel quale sono iscritti otto raggi. Questi formano all’intero dello stesso due croci greche una ortogonale e un’altra diagonale.




Simbologia del Centro Sacro

 

Una delle varianti di questa figura è formata da quattro quadrati. In questi sono iscritti otto radiali sovrapposti tali da formare un ulteriore quadrato. Il Centro Sacro è un simbolo arcaico che come trae le sue origini, con molta probabilità, dalla cultura celtica.

Il Centro Sacro è uno dei simboli esoterici fondamentali. Esso rappresenta l’Uno, l’origine di tutte le cose, il principio primo da cui ha inizio la creazione. Il Centro Sacro è essenzialmente il Principio. Il centro principiale, a partire dal quale tutto ha origine, il punto indiviso, senza dimensione né forma.

Immagine perfetta dell’Unità primigenia e finale in cui ogni cosa trova inizio e fine, perché tutte le cose ritornano all’energia principale che le ha create, riunendosi alla perfezione assoluta.

Il Centro Sacro è l’Essere puro, l’Assoluto, il Trascendente. Diffuso nello spazio-tempo materiale, che altro non è che l’irradiazione dell’Assoluto. Senza tale riferimento naturale, lo spazio-tempo non sarebbe che privazione, vuoto nel caos. Per gli antichi, il cielo non è che un mare. Un mare in cui la Stella Polare manifesta il punto primordiale dell’oceano celeste, del quale il mondo è solo una frangia esterna, l’ultima creata.

Il Centro Sacro e René Guénon

 

Molto utile citare un passaggio dell’articolo di Guénon, in cui il famoso esoterista francese spiega l’essenza di questo simbolo:

[…] questa figura è così confrontabile con la bandiera Britannica, che deve similmente avere origini celtiche. Ciò che è più strano è che questo segno della pietra sacra di Kermaria è stato ritrovato esattamente riprodotto in molti esemplari tra i graffiti della fortezza di Chinon […] e, negli stessi graffiti, la figura ad otto raggi è presente ancora su uno scudo ovale retto da una persona inginocchiata. […] Questo segno deve avere avuto un ruolo abbastanza determinante nel simbolismo dei Templari. Infatti, è stato anche trovato nelle antiche Commanderie del Tempio; è stato ugualmente visto sull’insegna araldica sopra un grande blasone in cima ad una statua funeraria di un Templare del tredicesimo secolo della Commanderia di Roche-en-Cloué (Vienne) e su una pietra incisa nella Commanderia di Mauleon, vicino Châtillon-sur-Sèvre (Deux-Sèvres)

[…] Quest’ultimo diagramma raffigura, propriamente parlando, una ruota; e questo non è che un altro esempio tra molti altri, della continuità delle tradizioni Celtiche attraverso l’intero periodo Medievale. Abbiamo omesso di dire precedentemente in relazione a questo simbolo che uno dei principali significati del numero 8 è “giustizia” o “equilibrio” i cui concetti, come abbiamo visto, si riferiscono direttamente a quello del Centro (è anche nota quale importanza i Pitagorici attribuivano all’Ottoade.»