Castello di Tintagel

Il castello e “La follia di Tristano”



Il Castello di Tintagel (Tintagel Castle) è forse il luogo a noi più familiare tra tutti quelli legati ad Artù.




Castello di Tintagel: la leggenda

 

La tradizione locale che si fonda largamente sugli scritti di Geoffrey di Monmounth nella sua “Storia del Re di Bretagna” scritta nel XII secolo, ritiene che questo luogo abbia visto la nascita di Re Artù e dove Merlino lo prese per allevarlo in segreto.

Le rovine del Castello di Tintagel datate tra il XII e il XIII secolo, solo più tardi hanno avuto a che fare con Artù. Il Castello di Titagel ha ispirato tra l’altro la narrazione di molti romanzi.

Uno scrittore anonimo medioevale de “La Follia di Tristano” racconta che il castello fu costruito dai Giganti e che lo usavano per sparire due volte all’anno – a metà estate e a metà inverno.

Thomas Hardy lo visitò, riportandolo al suo antico splendore e potenza. Sir Arnold Bax (1883-1953) compose un bellissimo poema sinfonico, evocando la grandezza e il mistero del luogo nel 1917.